21/9/2013

“ADOTTA SREBRENICA”

PRESENTATO DAL VICESINDACO MARTINI E DALL’ASSESSORE GRIM IL PROGETTO A FAVORE DI UN GRUPPO DI GIOVANI DELLA “CITTA’ MARTIRE” DELLA BOSNIA. C’E’ ANCHE ARCI SERVIZIO CIVILE


E’ stata presentata oggi dal vicesindaco Fabiana Martini l’adesione del Comune di Trieste al progetto “Adotta Srebrenica”, che vedrà come primo frutto il soggiorno culturale, di studio e conoscenza di un gruppo di cinque giovani della “città-martire” della Bosnia per la durata di una settimana, da domenica 22 a domenica 29 settembre


Le finalità e il programma dell’iniziativa sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala giunta del Comune, dove oltre al vicesindaco sono intervenuti, tra gli altri l’assessore all’Educazione Antonella Grim, Pierluigi Sabatti per Gruppo 85, Giuliano Gelci di ARCI Servizio Civile, nonchè rappresentanti di Associazioni locali che operano sul territorio per la convivenza pacifica e il dialogo interetnico e interculturale e che collaborano al progetto, come “Tenda per la pace e i diritti” e “Rime”.


Reduce da una recente visita a Srebrenica, Pierluigi Sabatti del Gruppo 85 ha brevemente ricordato la situazione della “città-martire”, “passata dai 36 mila abitanti di prima della guerra ai 2 mila di oggi, ciò che fa ben capire quale sia la situazione sul campo, dove i giovani hanno davvero poche speranze”.



“Sarà –ha detto a sua volta Giuliano Gelci- un momento di conoscenza fondamentale, soprattutto per quei giovani che non sanno cos’è accaduto a Srebrenica”.


Nel programma Mercoledì 25 settembreb>, all’Ostello AMIS di Campo Sacro a Prosecco, è prevista una cena aperta alla cittadinanza, a cura di ARCI Servizio Civile, cui seguirà la proiezione del video “I fiori di Srebrenica”.