5/5/2015

UN PONTE DI BENESSERE 2015



Una edizione decisamente impegnativa quella di Un Ponte di Benessere 2015 che si è tenuta a Pinzano al Tagliamento, nella pedemontana pordenonese, dal 30 aprile al 3 maggio. Il maltempo ha caratterizzato tutte le giornate costringendo gli organizzatori (Comune di Pinzano al Tagliamento, S.O.M.S.I., ARCI Servizio Civile e Ass. Il Progetto) a continui cambiamenti di programma.


Se è andato bene il primo appuntamento previsto giovedì 30 aprile presso la Sala SOMSI con la proiezione del film “Vkraljestvu Zlatoroga - Nel regno di Zlatorog” (Slovenia – 1931), musicato dal vivo da Giorgio De Santi, la 23esima edizione del Torneo di Green Volley “Confini in Gioco” in programma venerdì 1° maggio è stata annullata. Il torneo misto che ha visto da sempre la partecipazione di squadre provenienti da tutto il Nord Italia e l’Alpe Adria vedrà adesso solo le prossime tappe del circuito internazionale ad Ossiach (Austria) il 27 e 28 giugno e a Pola (Croazia) il 5 e 6 settembre.


Nella totale incertezza meteorologica sabato 2 maggio si è tenuta la “Maratonina all’insegna dell’Arte&Storia nel territorio di Pinzano” e l’incontro, davanti ad oltre un centinaio di persone, con lo scrittore Mauro Corona, amante della montagna e dello sport, testimonial del territorio delle Dolomiti friulane. A seguire una adeguata degustazione di piatti e prodotti a cura dei ristoratori e produttori locali accompagnata dalle immagini del territorio in un reportage di Elia Molinaro e la conclusione della giornata con il concerto di musica Etno Folk Blues con il gruppo “Lunaeunquarto”.


“1915-2015: la disobbedienza civile alla guerra” è stato il titolo scelto dal Comune di Pinzano e Arci Servizio Civile per l’incontro svolto la mattina di domenica 3 maggio. A terza guerra mondiale iniziata "a pezzi" - come denunciato da papa Francesco - con la violenza che si fa strada costantemente, nella scuola, nella famiglia, nei conflitti sociali, interstatali e nelle dinamiche globali, i relatori si sono soffermati sulla pace che si costruisce difficilmente nei palazzi del potere e al tavolo dove siedono i governanti. “Non è un compito che soltanto pochi possano svolgere per tutti. Perciò non bisogna essere estranei a questo processo e cercare invece di alimentarlo, di rafforzarlo con il pensiero e con l’azione quotidiana e soprattutto con la freschezza dei giovani”. Giuliano Gelci, Presidente Regionale di ARCI Servizio Civile, ha sottolineato che “abbiamo il dovere, ce l’ho sentiamo addosso, di stimolare riflessioni sui temi come la pace, non violenza, convivenza, …”. All’incontro sono intervenuti anche Alessandro Capuzzo (Tavola per la Pace FVG), Andrea Bellavite (Ass. Forum Gorizia), Franco Codega (Consigliere Regionale FVG, Presidente 6a Commissione), Federico Pirone ( Presidente CRELP FVG), Carlo Mayer (Progetto “Scampare la Guerra”).