E’ partita la campagna “centoxcentoserviziocivile”

 
                                           L'immagine può contenere: testo
 
 
 

20-05-2020


E’ partita la campagna social “#CentoXCentoServizioCivile” lanciata dalla Rappresentanza nazionale dei giovani operatori volontari del SCU (Servizio Civile Universale).
L’appello, rivolto al governo, in particolare al Ministro con delega al Servizio Civile on. Vincenzo Spadafora è di finanziare tutti i progetti di servizio civile universale che gli enti depositeranno entro il prossimo 29 maggio.
Questo sforzo costituirà un duplice investimento: l'impiego degli operatori volontari nella difesa non armata e nonviolenta della Patria farà del Servizio Civile un supporto concreto alla ripartenza del Paese e al contempo una straordinaria opportunità di crescita per i giovani, rafforzandone lo spirito di appartenenza alla nostra Repubblica.
Mai come oggi dipendiamo dagli altri. Dai medici e dagli infermieri che ci curano, dagli agricoltori che ci nutrono, dalle forze dell’ordine che ci proteggono. Tra i tanti, c’è però chi sfugge ai grandi schermi: sono le decine di migliaia di operatori volontari in Servizio Civile. Trasportano malati, assistono anziani e senzatetto, consegnano e distribuiscono viveri e medicine, curano il welfare sociale attraverso l’assistenza ai più fragili, sono di sostegno agli stranieri, promuovono attività di alfabetizzazione digitale, sono al servizio della propria comunità.
Nell’ora dell’incertezza e della disperazione, anche loro sono simbolo di speranza. Nonostante questo, proprio oggi potrebbero essere il doppio: per mancanza di risorse, ogni anno oltre metà dei progetti non prende il via. Una questione cara al Ministro Spadafora che, credendo in questo Istituto, coraggiosamente si è impegnato a promuovere futuri investimenti nel Servizio Civile utili all'avvio di 50.000 volontari. La bozza del Decreto Legge “Rilancio”, nonostante gli interventi a sostegno del Servizio Civile del Ministro e del Premier, non contiene tuttavia alcun finanziamento ulteriore per l’avvio dei volontari.
L’appello vede il sostegno oltre che delle grandi reti di Servizio Civile quali il Forum Nazionale Servizio Civile e la Conferenza Nazionale degli enti di Servizio Civile (CNESC) di cui fa farte anche Arci Servizio Civile, anche di cittadini, enti locali, soggetti come la Rete della Pace e la Rete Italiana per il Disarmo, organizzazioni come Save the Children Italia, Avvocato di Strada, Medici Volontari Italiani, Movimento Nonviolento, e importanti figure appartenenti al mondo delle istituzioni come l’ex Ministra Livia Turco, l’ex Sottosegretario Luigi Bobba e l’ex Viceministro Mario Giro, nonché in rappresentanza delle associazioni giovanili e degli studenti universitari rispettivamente il Consiglio Nazionale Giovani e il presidente del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari.
Il testo dell’appello e l’elenco dei firmatari sono pubblicati sul sito della campagna www.centoxcentoserviziocivile.it, dove tutti coloro che hanno a cuore il Servizio Civile e i valori costituzionali che incarna possono aderire.