95 giovani con Arci Servizio Civile
in Friuli Venezia Giulia

13-01-2020


Da mercoledì 15 gennaio 2020 Arci Servizio Civile del Friuli Venezia Giulia metterà
in campo sul territorio regionale ben 58 giovani operatori volontari del Servizio
Civile Universale (18-28 anni) che saranno impegnati nella promozione dei valori
della pace e della solidarietà, nell'educazione e promozione culturale… per
promuovere i diritti delle persone e partecipare alla vita sociale, a stretto contatto con
le realtà dell’associazionismo no profit. Andranno ad aggiungersi ai 37 giovani del
Servizio Civile Solidale (16-18 anni) per un totale di 95 giovani.

Mercoledì 15 gennaio 2020 dalle ore 17.30 al Polo Giovani Toti in via del Castello 1
a Trieste si terrà un primo incontro di conoscenza.
Verrà illustrato il percorso fatto di scambi continui nei vari progetti proposti da Arci
Servizio Civile, dove potranno portare le proprie competenze e la propria passione,
mettendosi in gioco, confrontandosi con nuove realtà, conoscere se stessi,
comprendere, cambiare, agire anche per costruire una “comunità associativa”.
Potranno iniziare proprio loro a stimolare connessioni e interrelazioni per
concretizzare la cooperazione e l’azione comune al fine di elaborare programmi
condivisi e gestiti in partnership. Passaggio fondamentale che vedrà Arci Servizio
Civile alle prese con la recente normativa ministeriale in vista di un nuovo modo di
“costruire progetti” passando dalla semplice logica del “progetto” alla logica del
“programma”.
I progetti avranno come basi operative, oltre alle sedi territoriali di Arci Servizio
Civile, a Trieste al Cest, Università Popolare, Teatro Miela, Scuola di Musica 55,
Arci, Legambiente, Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin, ZSŠDI (Unione
delle Associazioni Sportive Slovene in Italia), Oltre Quella Sedia, ZSKD (Unione dei
Circoli Culturali Sloveni), Anpi, Istituto Regionale per la Storia del Movimento di
Liberazione, ICS, ITIS, Comuni di Muggia, Sgonico-Zgonik, Monrupino-Repen, San
Dorligo della Valle-Dolina, a Gorizia al ZSŠDI, ZSKD e Kinoatelje, a Pordenone al
Comune di Pinzano al Tagliamento, UISP, Legambiente e Circolo Arci “Tina
Merlin”, a Udine alla Legambiente, Aiab e Comune di Muzzana del Turgnano, a
Fiume-Rijeka e a Capodistria-Koper presso le sedi dell’ Unione Italiana.
I progetti prevedono, tra l'altro: creare una rete informatica tra informagiovani,
associazioni, istituzioni e i vari soggetti sociali territoriali; valorizzare gli aspetti
multiculturali e plurilinguistici storicamente presenti particolarmente nella città di
Trieste; stimolare la creatività giovanile attraverso la partecipazione attiva con
l'organizzazione e realizzazione di eventi come laboratori, concerti, mostre, dibattiti;
stimolare i giovani affinché conoscano le risorse del proprio territorio e le
percepiscano come reali opportunità di sviluppo per le comunità locali; accrescere il
livello di informazione riguardante i temi dello sport per tutti; potenziare gli
interventi di reinserimento sociale delle persone anziane; promuovere occasioni di
aggregazione e incontro finalizzate alla sensibilizzazione della cittadinanza sul tema
dell'integrazione sociale; tradurre in concreto i valori legati alla pace e alla
importanza della non violenza per affrontare i conflitti anche di oggi, per dare
realizzazione alla finalità di educazione alla pace del Servizio Civile Universale.
L’evento di apertura sarà occasione per presentare il progetto “Scuola di
Cittadinanza” promosso dall’Associazione #MaiDireMai-NikoliRečiNikoli e
finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia con risorse del Ministero del Lavoro e
delle Politiche sociali.
La “Scuola di Cittadinanza” diffusa su tutto il territorio regionale prevede una serie
articolata di azioni dedicate ai volontari di servizio civile universale e solidale, dei
laboratori sulle esperienze associative delle rete progettuale aperti alla cittadinanza,
un forum di discussione sui progetti di servizio civile universale e solidale, degli
eventi di promozione della cittadinanza attiva (come incontri, interventi nelle scuole,
open days).
Il calendario di realizzazione del progetto si dispiegherà a partire da gennaio per
concludersi ad ottobre 2020, coinvolgendo numerose associazioni partner.