ARCI Servizio Civile in Croazia e Slovenia con l'Unione Italiana: il report dei volontari

29-01-2018



Il 2018 a Capodistria è iniziato con le consuete attività e in particolare con la gestione della rassegna stampa. L’iter burocratico riguardante l’attività di progettazione europea che era stata programmata per gli ultimi giorni del mese, ha subito un rallentamento, posticipando di fatto l’inizio dei lavori di un paio di mesi. Restiamo comunque fiduciosi che si giunga ad un effettivo inizio dei lavori di europrogettazione come previsto dal bando. Intanto abbiamo realizzato un codice etico per gli organi e i dipendenti dell’UI, presenziato all’inaugurazione ufficiale di un’attività laboratoriale all’interno di un’istituzione scolastica secondaria italiana di Capodistria e iniziato ad analizzare il programma “Europe for citizens” sul quale presumibilmente si lavorerà in futuro in qualità di partner di progetto e in rappresentanza di Slovenia e Croazia.
Il nuovo anno presso la sede dell’Unione Italiana di Fiume si è avviato invece con la conclusione degli eventi celebrativi del 50° anniversario del Concorso d’arte e cultura “Istria Nobilissima” e con nuove prospettive. L’incontro con il Console Generale d’Italia del capoluogo quarnerino, Paolo Palminteri, che presiede l’istituzione nazionale partner del progetto di Servizio Civile, ci ha offerto la possibilità di avviare, nel prossimo futuro, una collaborazione con il Consolato. Nel frattempo, a parte una parentesi formativa svoltasi a Trieste, le nostre attività procedono con la redazione di newsletter settimanali, la digitalizzazione di parte dell’archivio e attività di supporto amministrativo dell’Unione Italiana.